Dove Investire nel 2024: Consigli per Investimenti Sicuri e Redditizi

Investire è un ottimo modo per far crescere i tuoi soldi se fatto in modo responsabile. Ti consente di partecipare alla crescita economica e aiutare i tuoi soldi a tenere il passo con l’inflazione. Ciò è particolarmente vero in un anno come il 2024, quando i tre principali indici – S&P 500, Dow Jones Industrial Average e Nasdaq – hanno raggiunto livelli record, con l’S&P 500 sopra quota 5.200 e il Dow sopra quota 39.800 per la prima volta.

Potresti pensare che investire sia qualcosa destinato solo a chi è più ricco, più anziano o più avanti nella sua carriera rispetto a te. Ma questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. I diversi tipi di investimenti sono accessibili praticamente a chiunque, indipendentemente dall’età, dal reddito o dalla carriera. Tali fattori, tuttavia, influenzeranno quali investimenti sono migliori per te in questo particolare momento.

Ad esempio, qualcuno vicino alla pensione con un gruzzolo sano avrà probabilmente un piano di investimenti molto diverso rispetto a qualcuno che ha appena iniziato la propria carriera senza risparmi. Nessuno di questi individui dovrebbe evitare di investire; dovrebbero semplicemente scegliere gli investimenti migliori per le loro circostanze individuali.

Ecco i migliori investimenti da prendere in considerazione, generalmente ordinati in base al rischio dal più basso al più alto. Tieni presente che un rischio inferiore in genere significa anche rendimenti inferiori.

Azioni in crescita


Le azioni in crescita o titoli growth sono alimentati da una rapida espansione dei ricavi e degli utili. I titoli tecnologici sono tipicamente tra quelli in rapida crescita, così come i servizi di comunicazione e i titoli di consumo voluttuario .

“All’inizio del 2024, i titoli growth, in particolare nel settore tecnologico, potrebbero continuare a essere volatili a causa delle incertezze del mercato e delle fluttuazioni dei tassi di interesse”, afferma Taylor Kovar, CEO di Kovar Wealth Management a Lufkin, Texas.

Tuttavia, aggiunge, i titoli growth offrono il potenziale per guadagni significativi a lungo termine, soprattutto per le aziende con fondamentali solidi e prodotti o servizi innovativi.

Ad esempio, afferma Patrick Kennedy, socio fondatore di AllSource Investment Management a Hartford, nel Connecticut, “la crescita dell’e-commerce è esplosa dopo il COVID, che ha creato una massiccia domanda di centri logistici per gestire le esigenze della catena di approvvigionamento per il business moderno”.

Per rispondere a questa esigenza sono nate nuove società logistiche basate sulla tecnologia. Queste aziende non sono così affascinanti come i social media a grande capitalizzazione o le tecnologie rivolte al consumatore, ma potrebbero offrire opportunità per investitori esperti.

Altri titoli in crescita che gli analisti prevedono continueranno a fare bene nei prossimi 12 mesi includono Amazon.com Inc. (ticker: AMZN ) ed Exxon Mobil Corp. ( XOM ).

Titoli di valore o titoli value


I titoli value sono quelli trascurati dal mercato, ma che hanno fondamentali solidi e il potenziale di crescita futura. Questi titoli vengono generalmente scambiati a prezzi inferiori rispetto al loro valore intrinseco, sulla base di fondamentali quali utili e performance dei ricavi.

I titoli value sono rimasti indietro nel 2023 mentre i titoli growth sono esplosi, in gran parte grazie alla promessa delle aziende tecnologiche destinate a guadagnare dall’intelligenza artificiale .

Finora nel 2024, il settore dei servizi di pubblica utilità, un tradizionale settore di valore, continua a restare indietro, e i titoli difensivi dei consumi sono aumentati del 5,4% da inizio anno al 14 marzo, seguendo i settori più caldi. Il fondo SPDR ( XLP ) per i beni di prima necessità ha guadagnato il 4,9% nel 2024 in base al prezzo di mercato.

Vanguard Value ETF ( VTV ), un fondo quotato in borsa che replica le azioni value a grande capitalizzazione statunitensi, ha registrato un guadagno del 6% da inizio anno, rispetto al rendimento dell’8% dell’S&P 500. Quindi, sta sottoperformando il tasso tecnologico. ha dominato il Vanguard S&P 500 ETF ( VOO ) di oltre due punti percentuali.

Tassi di interesse più bassi spesso avvantaggiano i titoli tecnologici, quindi una ripetizione del rally delle Big Tech del 2023 non è fuori discussione.

Alcuni titoli value sul radar degli analisti includono ora PayPal Holdings Inc. ( PYPL ), International Business Machines Corp. ( IBM ) e Hormel Foods Corp. ( HRL ).


Azioni a piccola capitalizzazione


I titoli a piccola capitalizzazione vengono scambiati a valutazioni interessanti dopo anni di sottoperformance. Ma quando una particolare classe di asset è rimasta indietro per un lungo periodo, gli investitori spesso intervengono per accaparrarsi le azioni a un prezzo conveniente.

L’ETF iShares Russell 2000 ( IWM ), che replica le piccole imprese nazionali, ha sovraperformato l’ETF iShares Core S&P 500 ( IVV ), un grande fondo misto, nel quarto trimestre. A metà marzo, tuttavia, i titoli a piccola capitalizzazione stavano sottoperformando l’indice S&P 500.

Goldman Sachs scommette che le small cap sono pronte per un rimbalzo. L’unità di gestione patrimoniale della società ha recentemente lanciato il Goldman Sachs Small Cap Core Equity ETF ( GSC ), con partecipazioni con una capitalizzazione di mercato media ponderata di 5,1 miliardi di dollari.

In un video di novembre, “The Case for a Small-Cap Rebound”, Greg Tuorto di Goldman Sachs ha riconosciuto che “le small cap non sono state un posto divertente in cui stare”, mentre gli investitori erano preoccupati per gli effetti dei tassi elevati sulle piccole aziende. Inoltre, gli investitori hanno percepito che innovazioni come i farmaci antiobesità e l’intelligenza artificiale avrebbero apportato vantaggi alle aziende più grandi.

Ma questo sentimento potrebbe essere fuori luogo, afferma Tuorto, poiché le piccole aziende potrebbero essere ben posizionate per trarre vantaggio dalle tecnologie di trasformazione. “Riteniamo che le small cap siano un ottimo posto per accedere a innovazioni dirompenti perché queste società hanno una leva significativamente maggiore rispetto ai mega trend che sono oggi disponibili”, ha affermato nel video.

Bitfarms Ltd. ( BITF ) e Applied Optoelectronics Inc. ( AAOI ) potrebbero essere titoli promettenti in questa categoria per il 2024, ma fai le tue ricerche sui singoli titoli prima di impegnarti in opportunità.

Digital Bros

Titoli a grande capitalizzazione


I titoli tecnologici a grande capitalizzazione sono stati i chiari vincitori nel 2023, estendendo una serie di vittorie ventennale.

Tuttavia, l’ampiezza del mercato è stata piuttosto ristretta, poiché il noto gruppo di titoli “Magnificent 7” , composto da Amazon, Apple Inc. ( AAPL ), la società madre di Google Alphabet Inc. ( GOOG , GOOGL ), Meta Platforms Inc. ( META ), Microsoft Corp. ( MSFT ), Nvidia Corp. ( NVDA ) e Tesla Inc. ( TSLA ), hanno guidato il mercato al rialzo. Complessivamente, questi titoli sono aumentati del 107% nel 2023, rispetto al rendimento complessivo dell’indice S&P 500 del 24%.

Anche se nel 2024 le large cap continueranno a guidare le small cap e le mid cap, si è verificata una certa rotazione all’interno delle fila delle top performer dell’indice S&P 500.

Nvidia è ancora tra i maggiori guadagni nel nuovo anno, ma per il resto, un nuovo lotto di titoli tecnologici, Juniper Networks Inc. ( JNPR ), Palo Alto Networks Inc. ( PANW ), Advanced Micro Devices Inc. ( AMD ) e Arista Networks Inc. ( ANET ) sono stati leader dell’indice anche all’inizio del 2024.

Oltre alla promessa di crescita grazie all’intelligenza artificiale e al cloud computing, le azioni a grande capitalizzazione pagano dividendi anche più spesso rispetto alle società più piccole. Questo è un altro fattore che tende a mitigare la volatilità delle società a grande capitalizzazione.

ENI

Leonardo, BIT LDO

Dove Investire nel 2024: Consigli per Investimenti Sicuri e Redditizi

Azioni internazionali


Poiché le large cap statunitensi hanno dominato i mercati azionari globali negli ultimi dieci anni, molti investitori si sono chiesti perché dovrebbero preoccuparsi di diversificare verso l’estero.

Anche i sostenitori di un’ampia diversificazione delle classi di asset hanno notato, più volte, che le azioni non statunitensi hanno rappresentato un freno alla performance.

Ma potrebbe essere il 2024 l’anno in cui le cose cambieranno finalmente?

“Le azioni statunitensi sono state forti negli ultimi anni, ma ci sono ragioni per essere ottimisti riguardo alle azioni non statunitensi nel 2024”, afferma Krishna Mohanraj, gestore di portafoglio presso Diamond Hill Capital Management a Columbus, Ohio.

“Valutazioni interessanti e la capacità di investire in aziende che potrebbero ottenere buoni risultati indipendentemente dalla direzione dell’economia globale ci rendono entusiasti per il nuovo anno”, aggiunge.

Mohanraj cita l’esempio delle azioni giapponesi, affermando di aver osservato una rinnovata attenzione al miglioramento dei rendimenti aziendali e degli azionisti.

Il Vanguard Total International Stock ETF ( VXUS ) replica un indice di azioni non statunitensi sia dei mercati sviluppati che di quelli emergenti. L’ETF ha registrato un guadagno del 15,9% nel 2023, il che non è affatto male, ma è comunque rimasto indietro rispetto alle azioni statunitensi. Da inizio anno fino al 14 marzo, è aumentato del 3,3%.

Azioni con dividendi


Le azioni con dividendi offrono un reddito affidabile e possono contribuire a stabilizzare i rendimenti in un mercato instabile. Poiché tendono a provenire dalle fila delle large cap ben consolidate, anche i titoli azionari nel loro complesso hanno cavalcato l’onda delle large cap al rialzo.

Tuttavia, poiché molte grandi aziende tecnologiche in rapida evoluzione non pagano dividendi, i titoli azionari nel loro insieme hanno sottoperformato i titoli di crescita nazionali e l’indice S&P 500 nel suo insieme nel 2023.

“Si prevede che le scorte di dividendi continueranno a fornire un flusso di reddito affidabile nel 2024”, afferma Kovar. “Le aziende con una forte storia di distribuzione di dividendi possono offrire un cuscinetto contro la volatilità del mercato, attraendo gli investitori focalizzati sul reddito.”

Un rapporto di gennaio della Bank of America afferma che il 2024 potrebbe essere un anno eccezionale per i dividendi. Gli analisti di BofA hanno citato diverse ragioni a sostegno di tale tesi, tra cui: “I dividendi colmano un divario tra segnali macro confusi che ostacolano una piena ripresa ciclica/small cap”, insieme al calo del rischio di credito mentre la Federal Reserve sospende gli aumenti dei tassi, o addirittura taglia i tassi.

La Bank of America rileva inoltre che trilioni di dollari sono parcheggiati in contanti nei conti dei pensionati. Se i tassi sugli strumenti di debito a breve termine scendessero, ciò favorirebbe gli afflussi verso azioni generatrici di reddito .

Pagatori di dividendi affidabili si possono trovare nella lista degli aristocratici dei dividendi , che comprende Coca-Cola Co. ( KO ) ed Emerson Electric Co. ( EMR ).

Azioni ENI

Video approfondimenti su dove investire sempre aggiornati.


Obbligazioni a lungo termine


Le obbligazioni a lungo termine, in genere quelle con scadenza pari o superiore a 10 anni, presentano sia vantaggi che svantaggi.

L’aspetto positivo è che spesso forniscono rendimenti più elevati, consentendo agli investitori di assicurarsi un rendimento fisso per un periodo prolungato.

Tuttavia, il compromesso è un aumento del rischio poiché i prezzi sono più sensibili ai tassi di interesse e alle fluttuazioni del mercato. Inoltre, detenere obbligazioni a lungo termine comporta spesso un costo opportunità, poiché potrebbero verificarsi investimenti più interessanti mentre gli investitori detengono obbligazioni con una scadenza di 20 anni.

Vanguard Long-Term Bond Fund ( BLV ) segue il mercato obbligazionario statunitense a lungo termine e investment grade. L’ETF è sceso del 3,8% finora nel 2024 poiché gli investitori rimangono incerti sui prossimi tagli dei tassi da parte della Fed.

In un post sul blog di dicembre, “Reddito fisso: il 2024 può essere l’anno dei bond?” Il gestore patrimoniale globale Abrdn ha sottolineato che gli investitori possono ancora ottenere rendimenti elevati dalle obbligazioni a lungo termine.

Questo almeno finchè non arriverà Giugno-luglio 2024, quando è previsto che le banche centrali inizieranno ad abbassare il costo del denaro, il che dovrebbe portare il mercato a smobilitare le obbligazioni e puntare su azioni e perchè no criptovalute.

Aggiunge che, storicamente, i periodi successivi ai cicli di taglio dei tassi della Fed dopo un picco hanno portato a rendimenti elevati in molte parti dell’universo del reddito fisso.

Obbligazioni a breve termine


Le obbligazioni a breve termine, come suggerisce il nome, hanno una scadenza relativamente breve, solitamente compresa tra uno e tre anni.

Queste obbligazioni sono meno sensibili alle variazioni dei tassi di interesse, ma poiché gli investitori corrono meno rischi quando acquistano obbligazioni a breve termine, in genere ricevono tassi più bassi.

L’ETF iShares 0-5 Year Investment Grade Corporate Bond ( SLQD ) è aumentato dello 0,2% nel 2024 a metà marzo, sovraperformando gli indici obbligazionari a più lungo termine.

“Le obbligazioni a breve termine potrebbero essere una scommessa più sicura nel 2024, offrendo un rischio di tasso di interesse inferiore rispetto alle obbligazioni a lungo termine”, afferma Kovar. “Forniscono un flusso di reddito relativamente stabile con una minore esposizione alla volatilità del mercato .”

Obbligazioni ad alto rendimento


Le obbligazioni ad alto rendimento sono più rischiose di quelle considerate investment grade, cosa di cui gli investitori dovrebbero essere consapevoli quando aggiungono queste obbligazioni a un portafoglio.

Il momento potrebbe essere quello giusto per un’allocazione in obbligazioni a lungo termine e ad alto rendimento, afferma Matt Willer, amministratore delegato dei mercati dei capitali e partner di Phoenix Capital Group Holdings a Denver.

“Non capita tutti gli anni, e nemmeno ogni cinque anni, di riuscire a riposizionare il capitale al culmine di un ciclo di tassi di interesse”, afferma.

“Se riesci a trovare obbligazioni ad alto rendimento con una durata ragionevolmente lunga e una qualità creditizia rispettabile, questo è il momento ideale per impiegare una parte del tuo capitale investibile in obbligazioni a più lunga scadenza e con rendimento più elevato”, aggiunge.

La logica qui è che quando i tassi diminuiranno nel prossimo anno o anni, gli investitori si sono bloccati su un tasso più alto prima che inizino i tagli dei tassi.

Bloccando un rendimento elevato a lungo termine, afferma Willer, gli investitori non solo ottengono un tasso di rendimento interessante ed efficace dal rendimento, ma otterranno anche un apprezzamento del capitale man mano che i tassi scendono.

Due fondi obbligazionari ad alto rendimento apprezzati dagli investitori che sono a proprio agio con il rischio sono iShares iBoxx $ High Yield Corporate Bond ETF ( HYG ) e Schwab High Yield Bond ETF ( SCYB ).

BTP Valore

Materie prime ed investimenti alternativi


Gli investitori spesso si rivolgono alle materie prime per diversificare ed eliminare alcuni rischi del mercato azionario.

Le materie prime non sono un monolite; ad esempio, il petrolio si comporta in modo molto diverso dai futures del grano. Ma come hanno visto gli investitori all’inizio del 2022, all’inizio della guerra in Ucraina, entrambi hanno visto picchi di preoccupazioni sull’offerta.

Gli aumenti dei prezzi a lungo termine delle materie prime sono generalmente dovuti alla forte domanda e all’offerta limitata. Ad esempio, l’uranio viene scambiato ai livelli migliori dal 2007 . La domanda di energia nucleare è in aumento, mentre l’offerta limitata sta limitando gli acquisti.

“Prevediamo che entrambe le dinamiche continueranno nel prossimo futuro, sostenendo i prezzi delle materie prime con la ripresa della domanda, ma le forniture hanno bisogno di più tempo per bilanciarsi con la domanda”, hanno scritto gli analisti del Wells Fargo Investment Institute in un rapporto del dicembre 2023.

“Qualsiasi calo dei prezzi delle materie prime nel 2024 potrebbe offrire agli investitori l’opportunità di aumentare l’esposizione all’asset class a un costo ragionevole”, hanno affermato gli analisti.

Abrdn Bloomberg All Commodity Longer Dated Strategy K-1 Free ETF ( BCD ) o Global X Uranium ETF ( URA ) possono soddisfare le esigenze degli investitori in materie prime che cercano diversificazione.

Risorse Utili:

Altri articoli su Investire


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *